Consapevolezza

Commento esterno: Alba, io seguo l’ho-oponopono dove si narra che ognuno è responsabile al 100% della sua vita.

Alba : Vero!

Commento esterno: quindi se siamo consapevoli ci si dovrebbe prendere responsabilità.

Alba: Certo, consapevoli e coscienti. Lui l’inventore. Anche se l’ho-oponopono dice molte cavolate.

Commento esterno: chi? C’è ne sono diverse.

Alba: prendete sempre con le pinze.

Commento esterno: Io non so di chi parli. Ripeto seguo l’ho-oponopono occidentale che si riversa nella nostra vita da occidentali. L’ho-oponopono cristiano che prende molto del divino creatore- Dio.

Alba: la persona cosciente vive in relazione del rispetto umano. Questa è la vera religione cosmica. In futuro ci sarà la conoscenza cosmica.

Commento esterno: rispetto e amore se agiamo con amore tutto è giusto.

Alba: religi uguale conoscere. Il rispetto contiene tutto.

Commento esterno. : è proprio il rispetto che manca.

Alba : il vero amore qua sulla terra viene scambiato con il buonismo.

Commento esterno: infatti prima ci ero cascata facendomi cambiare, ma la mia indole è agire con amore quindi non mi importa gli altri cosa pensano. Vado avanti per rispetto e amore per me stessa e si riversa su tutti coloro che ci circondano.

Alba: esatto. Chi non si ama non può amare gli altri però bisogna stare attenti a non idolatrarsi che non significa avere stima di se ma esagerare come Narciso.

Commento esterno: certo, ma penso che ognuno riconosce la strada giusta e se non è… Pazienza, la troverà. La scuola cosmica deve essere interessante. Grazie Alba.

Commento esterno: è importante l’equilibrio per non esagerare in un senso o nell’altro.

Domanda esterna: una domanda se posso permettermi : è difficile fare richieste, preghiere per noi o altri… intanto… scevre di ego… quindi dell’amore… ma come si può formulare tali richieste?

Chiedi e ti sarà dato…

Inoltre : sia fatta la sua volontà ( quindi talvolta è l’ego che chiede) e non l’anima.

Alba: si, l’essere come fanciulli è un’espressione di pulizia interiore che manca ma che può esserci nel cuore dei buoni e non dei buonisti. Pregare per gli altri deve essere una spinta interiore individuale non una imposizione religiosa. L’ipocrisia vestita da bontà. Sapete, se voi cantate una bella canzone e la dedicate a chi ha bisogno, genera più energia che un rosario sgranato e monotono. Mono-tono ossia senza note, senza colori, perciò senza energia. Capito la differenza?

Commento esterno: certamente. È vero un canto che esce dal cuore fa meraviglie.

Commento esterno: quindi far scaturire le parole dell’anima… certamente non formule pre costituite.

Alba: bene, questa è religi cosmica del vero essere nell’io cosciente. Certo, fate suono e farete verbo che cura, che vive e va dove volete mandarlo.

Domanda esterna: anche le lodi?

Alba: si, anche le lodi.

commento esterno: cioè come dicevi Alba, invece di una preghiera detta in modo meccanico…. Sono parole e sensazioni dettate dal cuore. E la sua spontaneità.

Alba: in questo modo tu non preghi un dio o un altro essere che intermedia ma crei tu direttamente energia per chi ne ha bisogno.

Commento esterno: mandi energia all’universo.

Commento esterno: si, l’ho sempre pensato che condividere l’amore o queste sensazioni verso il cielo mando amore all’altra parte del mondo.

Alba: nel film “ nel nome della rosa” i frati non vogliono che si rida e si canti, solo tristezza e contrizione ricordando il dolore e la crocifissione di Dio. Bene, questo è stata l’intromissione di quel diavolo che tanto temevano; creare persone sofferenti e contrite che davano cibo ai famosi diavoli che oggi conosciamo anche sotto molte vesti. Quando i cristiani andavano a cristianizzare i popoli puri la prima cosa che gli impedivano erano i canti e le danze.

Commento esterno: e mentre canti la reazione delle persone fa capire chi hai di fronte.

Alba: chi è stonato stia zitto e suoni o declami poesie oppure con slancio dedichi il suo lavoro in preghiera nell’energia del fare.

Commento esterno: a volte dobbiamo fidarci un po’ delle nostre sensazioni . Ad esempio l’atmosfera che si respira nelle chiese è triste, cupa e angosciante. Le preghiere sono una lagna senza mai una emozione. Non esci da una chiesa con delle emozioni positive o con gioia. Dopo aver ascoltato una bella melodia invece proviamo una serie di emozioni e benessere.

Alba: si, certo!

Commento esterno: già solo senza sapere tutto quello che ho imparato fino ad oggi con la scuola , le chiese le evitavo volentieri. Anche per quella sensazioni che ti lasciano addosso, quella di peccatore e di inferiorità. Dio è ovunque, non solo in chiesa. Anzi, sta alla larga dalla chiesa….

Alba:… e da tutte le religioni poiché la vera religi ossia conoscenza qua sulla terra è stata sempre devastata dai potenti di ogni era. Il difficile è il rimuovere fuori dalle onde oscure che ogni giorno invadono tutto. Ci sono dei piccoli insegnamenti per permearsi : musica, colore, matematica. Certo , la lotta per la vita, il pane ecc è dura, stressante e fanculesca.

Commento esterno: io odiavo andare in chiesa da bambino e pensavo che il motivo era dovermi alzare dal letto la domenica, ora invece capisco il perché: sono una massa di draghi e le chiese caso strano hanno tutte la forma di quei castelli delle favole dove abitavano appunto i draghi.

Alba : la forma delle chiese dal 1000 – 1300 sono state costruite con la conoscenza della geometria cosmica che fanno le chiese degli attrattori di energia cosmica positiva. Dunque bisogna imparare.

Commento esterno: per esempio... la sala congressi del vaticano ha una immagine molto significativa.

Alba: si, ma non è giusta. Povero serpente terrestre. Dovete guardare l’effetto ipnotico del gioco del soffitto e delle numerologie, delle scaglie, chiamiamole così.

Commento esterno: è un effetto particolare che ti cattura. Mi è capitato di andare in alcune chiese e non vedere l’ora di uscire.

Commento esterno: sò che ci sono chiese sacre.

Commento esterno: in antichità le chiese venivano costruite seguendo la progressione matematica degli armonici. Infatti le chiese moderne a me infastidiscono.

Alba: Buona giornata a tutti!